Pane, Pizza, Brioche & Croissant

La sola e unica… – Torta delle rose di Madame d’Orsay

23 febbraio 2015

Chi è Madame d’Orsay? Oh parbleu, la nonna dell’Orso Bruno!

Sembra ieri che io e l’Orso abbiamo fatto una pacifica invasione a casa sua per chiederle un po’ di ricette, fra cui la sua più famosa: la torta di rose.
Nessuna è come la sua, credetemi!
In tanti la fanno ma nessuna è così buona.
Ne ho mangiate di così secche che azzeravano la salivazione per qualche giorno.
Poi ci sono quelle che sembrano pane e, accidenti no!, questa torta è briosciosa.
E non parliamo poi di quelle al sapore di lievito di birra, che se c’è una cosa odiosa è proprio quel retrogusto nei lievitati!

Insomma, io non la mangiavo più perché ormai avevo perso la fiducia.
Poi una sera l’Orso mi porta a casa una di queste “rose” e al mio rifiuto dice “Nooo, ma quella di Nonna Orsa è un’altra cosa”.
E, cavoli, se aveva ragione!!!!
Briosciosa.
Profumata.
Delicata.
Un paradiso a portata di mano, insomma 🙂

La prima settimana in cui ho provato la ricetta, modificando un po’ il procedimento e le lievitazioni, ho dovuto rifarla 4 volte: FINIVA SUBITO!
E poi sono cominciate le richieste.
Di mio papà, per i suoi amici.
Di mia mamma, perché è troppo buona.
Dell’Orso, perché a colazione si inzuppa benissimo.
Dei miei colleghi, perché “non vorrai mica non farcela provare vero?”.
Della famiglia tutta….perché siamo dei golosi inarrestabili 😀

Non mi resta nient’altro da dire se non: FATELA SUBITO!!!
E’ davvero semplice e il risultato pazzesco. I tempi di cottura e lievitazioni sono stati provati decine di volte e calibrati al minuto, forza!!!! 🙂

La ricetta così come la leggete è anche presente nel libro “Dolci Regali” della collana “I Libri dell’MT Challenge” assieme ad un vero e proprio esercito di brioche, creme e sciroppi!

TORTA DELLE ROSE DI MADAME d’ORSAY



Ingredienti: per una tortiera di 26-28cm di diametro
120ml di latte a temperatura ambiente
12g di lievito di birra
300g di farina forte tipo manitoba

200g di farina tipo “00”
3 uova
50g di zucchero semolato
1 cucchiaio di maraschino (o grappa, brandy, rum…)
40g di burro, ammorbidito e fatto a piccoli pezzettiper farcire le rose
100g di zucchero semolato
100g di burro, ammorbidito

Sbriciolate il lievito di birra nel latte e mescolate bene per farlo sciogliere.
Nella ciotola dell’impastatrice mettete le farine, le uova, lo zucchero, il maraschino e il latte con il lievito sciolto. Montate il gancio a foglia e impastate per 5 minuti, finché l’impasto si stacca dalle pareti della ciotola.

Togliete il gancio a foglia e montate quello a uncino.
Aggiungete i pezzettini di burro uno alla volta impastando, a velocità bassa.
Quando avete unito tutto il burro impastate alla massima velocità per 8 minuti, otterrete un impasto bello sodo.
Se impastate a mano: unite tutti gli ingredienti, a parte il burro, in una ciotola e impastateli per 5-6 minuti con forza. Unite poi il burro, un pezzetto alla volta, e impastate per farlo assorbire tutto. Una volta che l’impasto ha assorbito tutto il burro impastate energicamente per una decina di minuti per ottenere una pasta bella soda.
Fate lievitare 90 minuti coperto da un panno bagnato.
Nel frattempo preparate la crema per farcire le rose sbattendo, in una ciotolina, il burro morbido e lo zucchero fino a che non sono ben amalgamati, non rimettete la crema in frigo perché altrimenti torna soda e non riuscite più a stenderla!
Passati i 90 minuti riprendete la pasta e stendetela in un quadrato di 40cm di lato.
Spalmate la crema di zucchero e burro su tutta la superficie, angoli e lati compresi.
Con un coltello molto affilato o con una rotella per la pizza ricavate delle strisce larghe circa 4cm e arrotolatele per formare le rose.
Imburrate una teglia di 26-28cm di diametro e, delicatamente, partendo dal centro, posizionateci le “rose” lasciando un centimetro di spazio l’una dall’altra.
Fate lievitare nuovamente per 90 minuti sempre coprendo con un panno umido.
Passato il tempo dell’ultima lievitazione pre-riscaldate il forno a 165°C, quando è pronto infornate per 35-40 minuti.Quando la torta è cotta fatela riposare 10 minuti, poi toglietela dallo stampo e fatela raffreddare del tutto su una gratella.

Servite a temperatura ambiente spolverata di zucchero a velo.

NOTE:
– L’Orso ama quando questa torta non viene messa in una teglia ma solamente appoggiata su carta forno e lasciata libera di espandersi, le rose si aprono prendendo l’aspetto di quelle vere! 🙂
– Si conserva morbida fino a tre giorni se ben coperta con la pellicola.
– La amo particolarmente a colazione assieme ad una tazza di latte…WOW!!
– Il ripieno in realtà si presta a mille interpretazioni (potete aggiungere delle gocce di cioccolato o una spolverata di cannella, ad esempio) ma la ricetta base, secondo me, è sempre vincente 🙂
 
 
 

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply Araba Felice 23 febbraio 2015 at 7:21

    Meravigliosa.
    Definitely abbiamo gli stessi gusti 😀

    • Reply FedeB 23 febbraio 2015 at 17:40

      Ma dai!! Io la adoro proprio, a colazione poi mi fa impazzire!!!!! 😀

  • Reply Cristiana Beufalamode 9 dicembre 2015 at 9:19

    Bella:secondo te come sostituisco con Pm? Ti metto in crisi? Coi rinfreschi dei panettoni non so che farci!!

  • Reply flavia galasso 29 febbraio 2016 at 15:40

    Ti adoro e lo sai perchè..:Clementainaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

  • Reply arianna 3 aprile 2017 at 16:15

    Ciao Fede, sono arrivata qua dalla ricetta di oggi con il pan brioche. Io adoro tutti i briosciati e la torta di rose in particolare ma quello che scrivi nella premessa è verissimo: difficile trovarne una degna di questo nome! Così voglio provare assolutamente questa.

    Solo una domanda: la dose del burro. 40 per la crema di farcitura e 100 da inserire nell’impasto? Perchè ho visto che nel pan briosche con marmellata metti i 40 gr nell’impasto, è per caso il contrario?.. però….mi rimetto alla tua autorevole risposta. Ciao carissima
    Grazie! 🙂

    • Reply FedeB | La Blonde Femme 3 aprile 2017 at 16:21

      Ciao Arianna!! Sono 40 grammi nell’impasto e 100g come farcitura delle rose assieme allo zucchero! Pensavo ci fosse un errore invece per fortuna è scritto correttamente anche qui 😀
      Fammi sapere come va! Qui piace a tutti da morire 🙂 un bacione!

      Ps: ho visto ora che in effetti c’è un errore di impaginazione che induce a leggere sbagliate le dosi! Appena accendo il pc sistemo così si legge bene 🙂

  • Reply arianna 4 aprile 2017 at 8:08

    Ciao Fede! Infatti! ho immaginato…! Grazie, ti farò sapere!

  • Leave a Reply