Varie

Bacco perbacco! – La passione, le avventure e il sorriso di chi produce vino

6 Aprile 2014

Non riesco ad immaginare una cosa più bella di incontrare un produttore (di vino, di olio, di formaggi….) e poterlo ascoltare.
Godermi le sue parole e i suoi racconti, le rinunce che ha fatto per perseguire il suo obiettivo.
Emozionarmi davanti ai suoi occhi pieni di soddisfazione!
Oggi ho potuto partecipare ad un incontro con tre giovani produttori che con grandi sorrisi e simpatia mi hanno accompagnata nel loro mondo fatto di uva, viti, terra, vino che significa tradizioni e grandi eredità ma anche vino che parla di una svolta alla propria vita.

Svolta come quella di Simone Binelli (secondo da sinistra nella foto) che, da farmacista mantovano, si è reinventato viticoltore e produttore di vino in Abruzzo dopo aver fatto l’università di enologia e viticoltura.
Ha voluto scrivere la sua storia producendo vini dai nomi di farfalle, dedica amorevole al suo papà che ne colleziona da sempre. 
Impossibile non rimanere entusiasti del suo Machaon Abruzzo Pecorino D.O.P., vino bianco prodotto con il 100% di uva Pecorino abruzzese che profuma di fiori e frutta di paesi lontani e dal sapore deciso e sapido.

Altra storia quella di Paolo Carpineti (papillon e sorriso ammaliatore) 29enne di Cori, in provincia di Latina.
Paolo ha dietro di sé una famiglia di agricoltori che da poco ha deciso di produrre anche vino.
Ci ha portato il suo ultimo esperimento: una bottiglia non ancora in vendita, l’etichetta semplice e un vino sorprendente e matto come lui!
Paolo è matto perché ha creato un Brut metodo classico da uva di Bellone, un vitigno autoctono della sua zona che ha meritato anche le lodi di Plinio a suo tempo.
Il suo Metodo Classico dal colore dorato ha un sapore deciso e lascia sensazioni di limone e cedro, il profumo fruttato è reso particolare dal lievito che plasma e crea questo spumante per 24 mesi.
Questo ragazzo dal papillon è sorprendente perché ha deciso di innovare il suo modo di coltivare l’uva togliendo i trattori e usando i cavalli, per sentire il rumore della terra.
Romantico, il ragazzo, eh? 🙂

Nei miei ricordi però rimane scolpito il suo sorriso.

Lei è Laura Bosio che, dal 2000, conduce l’azienda Bosio Franciacorta assieme al fratello Cesare.
Laura segue le tracce del suo amato nonno Girolamo che da piccola le ha trasmesso l’amore per il vino e per la coltivazione dell’uva.
Nei suoi ricordi uno su tutti le è rimasto impresso: il nonno che si arrabbiava per i raccolti troppo abbondanti, diceva che se l’uva è troppa perde di qualità.
Da qui (e da molte altre ispirazioni) nasce Pas Dosè Riserva “Girolamo Bosio”, il Franciacorta che è diventato il top di gamma dell’azienda.
Al mio primo assaggio un’unica visione: questo vino alla mia imminente festa di compleanno, cosa che poco dopo Laura mi conferma dicendo che se lo immagina ad un bel festeggiamento di Natale.

Due uve alla base di tutto: 70% Pinot nero e 30% Chardonnay, senza zuccheri aggiunti (come indicato nel nome: Pas Dosè).
Il colore è giallo paglierino; se per un attimo si chiudono gli occhi durante l’assaggio si percepiscono profumi di fieno e di tabacco mentre il palato viene rinfrescato e pulito da questo splendido vino.
Laura è una tipa tosta, solare e frizzante. Non si fa inutili problemi a svelare che ha 33 anni, non esita a dirmi che noi donne siamo avvantaggiate nel campo del vino perché abbiamo olfatto e gusto più fini degli uomini.
Laura è una che, se le chiedi con cosa sta bene questo Franciacorta, non si perde in scampi e ostriche. No. Ti nomina lo spiedo bresciano: buonissimo e che ti sistema la pancia.
E’ appassionata, capisci subito che non si scoraggia davanti a nessun ostacolo. 
Mi ha conquistata dal primo momento.
Dovremmo avere molte più donne come Laura e tutti in futuro dovremmo saper essere splendidi nonni come Girolamo.

You Might Also Like

18 Comments

  • Reply Patty 6 Aprile 2014 at 17:55

    BRAVA! BRAVA!

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:01

      grazie cara!!! 🙂

  • Reply Roberta | Il senso gusto 6 Aprile 2014 at 18:25

    complimenti, bellissimo post!! Come è stata l'esperienza? 🙂

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:04

      E' stata una bellissima esperienza! Massobrio incalzava i tre ospiti con un sacco di domande interessanti, poi sentirsi descrivere profumi e sapori di un vino da un professionista è proprio bello!
      Mi sono sentita un po' speciale, sì! 🙂

  • Reply Giulietta | Alterkitchen 6 Aprile 2014 at 18:42

    Bravissima Fede!!
    E mi piace moltissimo vedere come da un uguale esperienza scaturiscano racconti molto diversi 🙂
    Che Laura ti avesse conquistato l'avevo capito..chissá come mai 😉
    Hai bevuto?!

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:13

      Vediamo se riesco ad andare a prendermi il suo vino!!!! 😀

  • Reply flavia galasso 6 Aprile 2014 at 18:57

    Complimenti Federica! Deve essere stata oltre che un'esperienza interessante anche diVina ! Baci.

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:13

      Grazie tesoro!!! ultradiVina!!!!! 😀

  • Reply Cinzia 6 Aprile 2014 at 19:15

    Bellissimo scritto, e molto "spumeggiante" ;)) mi fai venir voglia di assaggiare e gustare tutto quello che scrivi (compreso il ragazzo dal papillon!!!
    Brava!

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:14

      Il mio intento era proprio quello!!! 😀
      Ciao Cinzia!!!

  • Reply TataNora Dellavedova 7 Aprile 2014 at 6:48

    Hai proprio ragione: la passione va premiata! Spesso ci limitiamo a berlo il vino quando invece dovremmo imparare a capirlo.
    Spesso ci dimentichiamo che sensazioni che ci regala, il piacere che ne deriva dal sorbirlo, è frutto di fatica, di lavoro, di passione di imprenditori capaci e preparati che mettono l'anima in bottiglia.
    Brava, bel post!
    Nora

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:15

      Davvero! Dietro un sorso di vino c'è una storia enorme ed un lavoro faticoso e pieno di studio!
      Incontrare tre imprenditori così giovani è stato esaltante!! 🙂

  • Reply ileana conti 7 Aprile 2014 at 13:07

    Bellissimo post, per un attimo mi è sembrato di essere li e di degustare questi tre magnifici vini..
    Ileana

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:16

      Grazie Ileana!!!!! :)))

  • Reply Araba Felice 7 Aprile 2014 at 16:00

    Grande Fede! Hai fatto interessare all'argomento ed entusiasmare pure un'astemia, non dico altro!
    (mi cancelli dalle amicizie ora che ho confessato? 😀

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:17

      Mascherina, io ti conosco!! 😀
      Macché eliminarti dalle amicizie! Tu guidi e io degusto!!! 😀
      Ciaobbbella!!! :)))

  • Reply Marina 8 Aprile 2014 at 7:02

    Certo, il ragazzo conil papillon ha qualcosa di vintage…bravissima !

    • Reply FedeB 8 Aprile 2014 at 18:17

      Davvero, era un personaggione! Per non parlare dei suoi amici!! 😀

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.