Pane, Pizza, Brioche & Croissant

Il corso pre-parto – The Ultimate Bagel

7 marzo 2016

Giovedì pomeriggio ho cominciato il corso pre-parto: terrore ed entusiasmo alle stelle!
Terrore perché l’ospedale dove ho deciso di partorire e fare il corso è enorme; è grande quasi come il paese dove abito e avevo un assoluto bisogno di orientarmi per evitare, a Giugno, di partorire su un marciapiede in cerca del padiglione giusto.
Entusiasmo perché avevo voglia di conoscere altre future mamme alle prese con i miei stessi dubbi e paure.

Mentre cerco la stanza del corso succede subito una corsa divertente: mi fermo a prendere fiato sul pianerottolo delle scale e, con sorpresa, trovo altre 3 ragazze che come me si sono fermate per una pausa 😀
All’inizio del settimo mese niente toglie il respiro come una rampa di scale!!

Mi conforta vedere subito che sono la più esperta di orientamento in ospedale (!!) ma solo perché ho imbrogliato: due giorni prima ero andata in ispezione per trovare la cassa dove pagare il ticket per il corso e mi sono fatta un giro 😀
E nonostante questo non ho trovato la maternità ahahahaha!!

Poi, si sa, ai corsi c’è sempre quella che sta sulle balle a tutte e da noi s’è fatta riconoscere in tempo zero: prima ancora di presentarsi ci dice “ahh tutte alla prima gravidanza?? Sappiate che io ho c’ho messo sei anni prima di fare il secondo!”.
Ma vavangulo va!!

Delle altre invece sono felice! Sono tutte ragazze terra terra come me, ognuna con le sue paranoie e le sue storie: c’è quella che continua a toccarsi la pancia come fosse una sfera di cristallo in cui vede il futuro, quella che rimane già sveglia tutta la notte col reflusso e quella che quando ha visto le dimensioni reali di un bambino appena nato è rimasta sconvolta.
Il mio trauma personale? Trovare quella cavolo di maternità prima di partorire su un marciapiede 😀

FATE-QUESTI-BAGELS-!
Ho trovato la ricetta su uno dei miei siti preferiti, Food52, e non ho esitato un attimo nel decidermi a provarla!
Da noi questo tipo di lievitato sta lentamente diventando famoso e tante persone ne stanno scoprendo la bontà; il problema è che il prezzo per un bagel con salmone affumicato, insalata e formaggio spalmabile arriva anche a 8€ che per conto mio è una follia!!
Molto meglio provare a farseli da soli no? 🙂

 

THE ULTIMATE BAGEL

da una ricetta vista su Food52

 

Ingredienti: per 12 bagels di dimensioni vere (!!)
per lo starter
500 g di farina per pane
500 g di acqua
3 g di lievito di birra secco

per l’impasto
18 g di sale fino
18 g di miele di acacia (o altro miele dal sapore delicato)
450 g di farina per pane

per la cottura
3 litri d’acqua, per bollire i bagels
3 cucchiaini di bicarbonato
3 cucchiaini di miele
1 uovo, per spennellare
semi di papavero, semi di nigella, pepe o sale aromatico

Cominciate la sera prima mescolando i tre ingredienti per lo starter. Se volete potete già farlo nella ciotola della planetaria. Coprite con la pellicola e fate riposare 2 ore a temperatura ambiente e poi tutta la notte in frigo.

La mattina seguente togliete lo starter da frigo, fatelo riposare per un’ora e poi unitevi tutti gli ingredienti dell’impasto nell’ordine in cui sono elencati. Impastate nella planetaria, con il gancio a uncino, per 4-5 minuti o fino ad ottenere un impasto liscio e molto sodo.

 

Togliete l’impasto dalla ciotola, mettetelo sul piano di lavoro e copritelo con un canovaccio pulito. Fate riposare una ventina di minuti.
Quando l’impasto ha riposato tagliatelo in 12 pezzi di circa 120 grammi l’uno e fatene delle palline.
Copritele ancora con un canovaccio e fate riposare altri 20 minuti.

 

Passato anche questo tempo riprendete ogni pallina, foratela con un dito e fatela roteare intorno all’indice in modo da creare i bagels. Fate riposare 15 minuti.

 

Nel frattempo pre-riscaldate il forno a 220°C e mettete l’acqua in una pentola capiente, aggiungete il bicarbonato e il miele e portate a bollore.
Immergete prima un bagel, se galleggia significa che è pronto quindi potete procedere alla prima cottura.
Io ne ho buttati in acqua 3 per volta, cuocendoli un minuto per lato.
Scolateli e metteteli su una teglia coperta di carta forno, spennellateli con l’uovo battuto e cospargeteli con il vostro topping preferito: io ho usato semi di nigella, pepe nero macinato e sale aromatico.
Infornate per 13-15 minuti, fino a che sono belli dorati.
Sfornate e fateli raffreddare completamente prima di addentarli 🙂

Il mio l’ho divorato con il più classico dei ripieni: formaggio spalmabile, salmone affumicato ed insalata.
Vi consiglio anche di provare bacon croccante, mayo, avocado, insalata e pomodoro per la goduria estrema! 😀

NOTE:
– Una volta raffreddati, potete tagliare a metà i bagel e surgelarli chiusi in un sacchetto. Quando vi serviranno basterà farli scongelare per mezzora e tostarli leggermente.

SCARICA QUI IL PDF DELLA RICETTA 🙂

bagel

 

You Might Also Like

3 Comments

  • Reply Daniela B. 8 marzo 2016 at 9:06

    I tuoi racconti mi fanno sempre sbellicare!! In realtà il corso pre-parto è una scusa per insegnare alle gestanti a orientarsi in ospedale 😛
    Io ho scoperto i bagels a Natale, rifacendo la ricetta di Fabio e Annalù, e vengono anche senza latticini, per mia immensa gioia 🙂

  • Reply Patrizia Malomo 15 marzo 2016 at 19:20

    Ma quanto ti adoro e quanto amo leggere i tuoi post con l'espressione ebete e la risata in canna sempre pronta a partire quando mi riconosco nelle tue situazioni, in particolare adesso che sei una Blonde ripiena.
    Ti adoro e mi sei troppo simpatica, ti auguro che il tuo erede sia proprio uguale a te, pieno di sole e di allegria e di meravigliosa intelligenza.
    Sono una bagel supporter e proverò anche la tua ricetta. Intanto tu fatti una mappa con le direzioni per l'emergenza!
    Ti stringo superforte. Pat

  • Reply Sabry 1 aprile 2016 at 20:14

    Troppo simpatica…la storia della gravidanza! E caspita buoni i bagel, stavo appunto cercando una ricetta perchè ad Amsterdam, ne ho mangiati di così buoni che avevo voglia di provare!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.