Fusion Confusion, Primi piatti, Zuppe & Minestre

Mamma Fede e Papà Orso Bruno – Ciorba Radauteana

25 gennaio 2016
Quale mamma e quale figlio non si ritrovano almeno un po’ nelle parole di questa canzone?
 
Mamma, pensi che sganceranno una bomba?
Mamma, pensi che gli piacerà questa canzone?
Mamma, pensi che tenteranno di rompermi le palle?
Mamma, dovrei forse costruirmi un muro?
Mamma, dovrei correre per la presidenza?
Mamma, dovrei fidarmi del governo?
Mamma, mi metteranno sulla linea di tiro?
E’ solo uno spreco di tempo?
Zitto, tesoro mio, non piangere
Mamma farà diventare realtà tutti i tuoi incubi
Mamma farà diventare tue tutte le sue paure
Mamma ti terrà proprio qui, sotto la sua ala
Non ti farà volare ma magari ti lascerà cantare
Mamma ti terrà comodo e al caldo
Oh, tesoro
Ovviamente la mamma ti aiuterà a
costruire il muro
Mamma, pensi che lei sia abbastanza
giusta per me?
Mamma, pensi che sarà pericolosa
per me?
Mamma, distruggerà il tuo bambino?
Mamma, mi spezzerà il cuore?
Zitto, tesoro mio, non piangere
Mamma controllerà tutte le tue
fidanzate al posto tuo
Mamma non permetterà a nessuna
persona cattiva di contattarti
Mamma aspetterà finché tornerai
Mamma scoprirà sempre dove sei
stato
Mamma terrà il suo bambino sano e
pulito
Oh tesoro
Sarai sempre un bambino per me

 

Mamma, questo muro non doveva
essere così alto.
Io e l’Orso Bruno siamo felicissimi di dirvi che stiamo per passare da semplici figli a genitori! 🙂
Maschio o femmina? Sarà una sorpresa!
Di sicuro ha un nasino a patatina bellissimo 🙂
Per il resto non sappiamo bene come sarà avere la completa responsabilità di un piccolo essere umano, educarlo, proteggerlo e allo stesso tempo fargli commettere tutti gli errori che servono a crescere.
Insomma: in bocca al lupo a noi! 🙂
Durante il nostro viaggio in moto in Romania nel 2010 abbiamo scoperto una zuppa per cui abbiamo perso la testa: la ciorba radauteana, zuppa tipica della zona di Rădăuţi.
La ciorba è conosciuta in tutta la Romania in un sacco di varianti che vanno da regione a regione (in tanti conoscono la ciorba de burta, fatta con la trippa, per esempio).
Prima di tornare verso casa ho pregato la dolcissima Ada, una ragazza conosciuta durante il viaggio, di mandarmi la sua ricetta per poter rifare a casa questa zuppa così buona e saporita. Ovviamente ha mantenuto la promessa 🙂
Eccola con qualche mia piccola modifica!
 
CIORBA RADAUTEANA

 

ciorba

Ingredienti: per 4 persone
4 cosce di pollo con l’osso (circa 600-700g)
3 carote
1 pastinaca (se non la trovate omettetela)
1 sedano rapa
2 peperoni rossi
1 cipolla grande
1 o 2 spicchi d’aglio
3 tuorli d’uovo
500 g di panna acida
prezzemolo tritato
50 ml aceto di vino bianco
sale
pepe

Mettete 4 litri d’acqua in una pentola assieme alle cosce di pollo e portate a bollore schiumando la superficie ogni volta che ce n’è bisogno.
Nel frattempo lavate, pelate e tagliate a pezzi grossolani tutte le verdure e grattugiate l’aglio in una ciotolina.
Appena l’acqua col pollo spicca il bollore aggiungete le verdure tranne l’aglio. Abbassate la fiamma e fate sobbollire per 45 minuti o finché le verdure sono tenere e il pollo cotto.
Tirate su dal brodo le verdure e il pollo e togliete circa 350ml di liquido dalla pentola mettendolo in una ciotola o un bricco.
Schiacciate o frullate le verdure per ottenere una purea e unitela al brodo nella pentola per insaporirlo ancora di più, portate il tutto a bollore e fate cuocere per 5 minuti; infine spegnete il fuoco e filtrate il brodo con un colino a maglie strette per togliere la maggior parte della purea che scarterete definitivamente visto che ormai ha fatto il suo lavoro 🙂
Salate la zuppa a vostro piacimento.

Ricavate la polpa dalle cosce di pollo e fatela a bocconcini, scartate pelle e ossa.

In una ciotola sbattete i tre tuorli e uniteli alla panna acida e all’aglio grattugiato (partite con poco aglio, vi prego, farete in tempo ad aggiungerlo!!!). Unite poi i 350ml di brodo e stemperate il tutto.

Rimettete la zuppa su fuoco dolce e, mescolando, unite il mix di panna acida. Quando è ben unito e cremoso aggiungete anche i bocconcini di pollo e l’aceto.
Scodellate la zuppa e cospargete di prezzemolo tritato, servite con fette di pane, panna acida e peperoncino a parte.

E’ buonissima, scalda la pancia e combatte l’hangover meglio dell’Oki mescolato all’effervescente Brioschi 😀

NOTE:
– Gli spicchi d’aglio in realtà sarebbero 7; noi non siamo abituati a tanto ma, come mi piace dire, “sky is the limit” quindi spingetevi fin dove volete!
– Se dovessi rifarla “alla Bertuzzi” lascerei qualche cubetto di verdura dentro per rendere la zuppa più corposa.
– In Romania viene consumata in qualsiasi occasione, soprattutto la mattina dopo una sbornia pesante: i suoi effetti sono davvero miracolosi!

 

 

SCARICA QUI IL PDF DELLA RICETTA 🙂

Con questa ricetta partecipo all’MTC n°53: MTC n°53: Minestrone e zuppe!

You Might Also Like

16 Comments

  • Reply Araba Felice 25 gennaio 2016 at 7:57

    Auguroni Fede!!! Sono tanto felice per voi <3

    • Reply FedeB 25 gennaio 2016 at 12:54

      Grazie Stefi!!!!! :*

  • Reply Cecilia Bendinelli 25 gennaio 2016 at 8:36

    Viene voglia di provarci subito!!
    Auguroni ragazzi, anche noi sorpresa fino alla fine, troppo bello

    • Reply FedeB 25 gennaio 2016 at 12:55

      Provala mia cara! Tutto sommato è facile e tanto tanto confortante! 🙂

  • Reply MarielladM 25 gennaio 2016 at 9:21

    Ti ritroverai anche con 5 k di pastinaca,ma guarda che bella foto ne è venuta fuori! Quando nasce l'orsacchiotto/a? Chissà Maya come la prenderà…

    • Reply FedeB 25 gennaio 2016 at 12:56

      Eh almeno la foto dovevo farla!!! Quando mai mi succederà ancora una cosa del genere??? 😀
      Il termine per l'orsetto/a è il 9 giugno e secondo me Maya ne sarà felice, le piacciono i bambini anche perché adesso è ancora una cucciolotta anche lei 😀

  • Reply Cristiana Beufalamode 25 gennaio 2016 at 11:28

    La ciorba della gravida 😀 Ora voglio vedere che ci fai con i 5 kg di pastinaca…qui ne hai usata una sola…

    • Reply FedeB 25 gennaio 2016 at 12:59

      Sento odor di perculatio in questo commento 😀 😀
      Io mi sono lanciata all'acquisto e quando ho letto sulla ricetta "one parsnip" volevo spararmi ahahahahahah
      Ho già un po' di ricette raccolte per farle arrosto (provate ieri: buonissime!), per farci vellutate e puré e pure nello spezzatino! Insomma…mi aspetta una settimana di pastinaca 😀
      E comunque sa di carota…voglio dire…cara pastinaca tiratela di meno!!! 😛

    • Reply Cristiana Beufalamode 26 gennaio 2016 at 22:50

      😀 Oggi ho scovato un banco che aveva un sacco di radici, ma non la pastinaca, a meno che non sia la radice del songino. Ma di certo 5 kg non li ordino!

  • Reply Giulia 25 gennaio 2016 at 12:53

    Auguri Fede!

    • Reply FedeB 25 gennaio 2016 at 12:59

      Grazie Giulia!!!!! :*

  • Reply La Gaia Celiaca 25 gennaio 2016 at 16:02

    Auguri e complimenti Fede!!!
    E io che ero venuta qui a leggere della zuppa di pastinaca… mi sa che c'è ben altro da leggere, in questo post!!!
    Sono contentissima per voi, è una stupenda notizia
    Magari aspettata un paio d'anni prima di portarlo in moto, eh! 😉
    Comunque la ciorba (che poi i viaggi dei nomi sono fantastici, se pensi la minestra tipica algerina di chiama shorba) radauteana mi sembra favolosa, la assaggerei anche subito!

  • Reply Lara Bianchini 25 gennaio 2016 at 18:37

    Ohhhhhh ma non sono l'unica a pensare che sta pastinaca son diventata matta a trovarla e poi sa di carota, che delusione, mi aspettavo aromi inusitati… Per il resto in bocca la lupo a voi! Sarà una cosa fantastica, ma sono solo la milionesima persona che te lo dice vero?

  • Reply acquaviva 26 gennaio 2016 at 9:54

    qui mi conquisti facimente: adoro tutte le zuppe rumene, con quel loro acidino di fondo tanto piacevole e perfetto (…specie quando hai la bocca impastata).
    Invece fingo di non aver capito il resto, che mi devo prima abituare all'idea e poi gustare il concetto piano piano…

  • Reply Alessandra Gennaro 30 gennaio 2016 at 20:15

    Io mi sento una mezza nonna. O una "molto zia",scegli tu…. e anche se mi son commossa dal vivo, continuo a tremolare anche ora. E aver scelto una ricetta dell' mtc per l'annuncio urbi et orbi, mi intenerisce ancora di più. Ti porterò 10 kg di pastinaca, a marzo:-)
    Nota linguistica sulla zuppa. A Genova, sorbire il brodo si dice sciorbi. Sciuscia e sciorbi nu se poe è uno dei modi di dire più diffusi (non si può ispirare ed espirare contemporaneamente. Era l immancabile risposta di mio papà alla costante insoddisfazione della sua figlia maggiore. Lo si impara con gli anni e con i figli,a temperare il rigore con una saggia indulgenza. . È il mio augurio, per la vostra esperienza più bella. E ora basta, che qui sono le tre di notte e se inizio a tirar su col naso sveglio Giulio… E te la do io, l'indulgenza:-)

  • Reply Vitto da Marte 31 gennaio 2016 at 18:23

    Ecco un'altra zuppa che arricchisce la collezione di sapori inediti. Le zuppe mitteleuopee hanno un sapore unico e particolare e mancava in questo bellissimo panorama zuppesco che stiamo raccogliendo. Bello che la ricetta non venga da un libro, ma che dietro ci stia il ricordo di un bel viaggio e di una persona.
    Auguri per l'orsacchiotto/a in arrivo e a fare i genitori si impara, tranquilla. E si sbaglia anche, ovvio, l'importante è accorgersene!

  • Leave a Reply