Primi piatti, Zuppe & Minestre

Ma cosa ti mangi?? – Pici al ragù

13 maggio 2015
Ho
fatto una sola dieta in vita mia, mi ci sono dedicata per 3 mesi anima e corpo.
Ho
avuto degli ottimi risultati e poi ho giurato che mai più avrei fatto diete perché mentalmente stavo diventando
qualcuno in cui non mi riconoscevo più.
Il
fatto di non sentire il bisogno di un piatto di pasta mi faceva paura peggio di
un vulcano in esplosione, di uno tsunami, di un dinosauro in macelleria.
La
dieta (sì ho fatto la Dukan, flagellatemi sulla pubblica piazza!) mi aveva
disabituata a pasta, pane, pizza…ai piaceri della vita, in sostanza.
Ed
è un’assurdità!
Perché
io, femmina sana, devo allontanare dalla mia dieta la pasta e i lievitati e far
sì che il mio corpo si disabitui ad essi? Perché devo fare un percorso del
genere se queste cose non mi recano disturbi?
Non
ne ho idea.
Per
questo ho ricominciato ben presto a mangiare dei bei piatti di pasta e che
goduria la scarpetta di pane col sugo rimasto nella pentola!
La
vedo anche in giro questa tendenza ad eliminare carne e “carboidrati”
dall’alimentazione perché fanno male.
Insomma…le
botte fanno male dai, parliamo seriamente.
Tu
che vivi di polpette di quinoa, cheesecake al tofu e germogli vari perché la
carne è cancerogena e poi fumi 20 sigarette al giorno non so perché ma non mi
convinci 🙂
Sono
più serena io con la mia bella costata, le verdure grigliate e un bicchiere di
rosso, o no?
E’
provato statisticamente da me stessa che chi si costringe a vivere di becchime,
muschi e licheni poi diventa irritabile e appena ti vede mordere una merendina
scatta a farti la predica sullo zucchero che è veleno, sulle scie chimiche e
“oddio moriremo tutti”.
Eh
sì che moriremo…
Tanto
vale godersela nel frattempo no? 😀
La
ricetta di oggi l’ho scovata nel blog di Giulietta, e l’ho scelta per
partecipare al mitico “The
Recipe-tionist”
di questo mese.
The
Recipe-tionist è un contest mensile creato dalla mia cara amica Flavia e che è un inno alla
condivisione!
In
sostanza ogni mese viene scelto un blog che viene nominato “Recipe-tionist del
mese” e chi partecipa va a frugare fra le pagine di quest’ultimo in cerca di
una ricetta da replicare, anche con piccoli cambiamenti.
E’
un po’ come scambiarsi le ricette scritte sui pezzi del sacchetto del pane o su
cartoncini recuperati qua e là, come si faceva una volta…e pure oggi anche se
un po’ meno 🙂
Questi
pici al ragù sono una delle cose più buone che mangerete quest’anno, ne sono
certa.
La
pasta corposa con questo sugo ricco vi farà esplodere le papille gustative, vi
farà ululare di gioia e poi…sarà subito dipendenza 🙂
Provateli!!!

PICI AL RAGU’
dal blog di Giulietta – secucinosorrido.blogspot.it
per i pici, ingredienti per 4 persone
270g farina 00
130g semola rimacinata
2 cucchiai abbondanti di olio extravergine d’oliva
un pizzico di sale
acqua q.b.
Mischiate e setacciate le due farine con il
sale.
Raccogliete la farina a fontana e versate parte
dell’acqua e tutto l’olio.
Impastate ed aggiungete altra acqua fino ad ottenere
un panetto morbido, non appiccicoso ed elastico (purtroppo non c’è una misura
precisa ma vedrete che è facile capire quando la pasta è pronta!).
Lasciate riposare per circa 30 minuti a temperature
ambiente coperto leggermente con un po’ di pellicola. 
Prelevate una parte di impasto, stendetelo formando un
piccolo rettangolo dello spessore di circa mezzo centimetro e tagliate
delle strisce sul lato lungo del rettangolo.
Con l’aiuto del palmo delle due mani, cominciare ad
arrotolare la striscetta ottenuta cercando di allungarla e renderla sottile
come un bucatino.
E’ facile, divertente e aumenta l’autostima a mille,
credetemi!! 😀
per il ragù
1 grossa cipolla
300g macinato di vitello
4 salsicce
4 costine di maiale
un bicchiere di vino rosso corposo (Valpolicella
Superiore per me)
1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
1 bottiglia di passata di pomodoro (700ml)
olio extravergine d’oliva
peperoncino (facoltativo)
sale e pepe
pecorino o Grana Padano per condire, se lo desiderate
Pulite e tritate la cipolla.
Togliete la pelle alle salsicce e unitele alla carne di
vitello mescolando con le mani.
In un tegame dal fondo spesso (pentole in
terracotta o ghisa sarebbero perfette!), fate scaldare l’olio e unite il trito
di cipolla facendola appassire a fuoco basso.
Aggiungete la carne e rosolatela leggermente,
cominciando a sgranarla con un cucchiaio, quindi sfumate con il vino rosso.
Lasciate che la carne tritata asciughi bene: deve
apparire ben sgranata!
A questo punto unite il concentrato di pomodoro, la
passata di pomodori e 300ml di acqua, mescolate e aggiungete le costine che
avrete preventivamente salato leggermente e pepato.
Portate a cottura lentamente, facendo sobbollire il
sugo e mescolando di tanto in tanto (a me un paio d’ore sono bastate per
ottenere un sugo denso e saporito).
Quando il ragù è pronto togliete le costine,
disossatele e fate la polpa a cubetti, unitela al sugo e date una bella
mescolata.
Regolate di sale se ce n’è bisogno ma per me era
perfetto così.
Nascondetelo perché chiunque passi dalla cucina farà sicuramente una bella
scarpetta di sugo col pane…a casa mia c’è chi ci ha fatto stivali più che
scarpette… 😀
Ed ora concludiamo il piatto.
Cuocete i pici in abbondante acqua bollente e salata
per 5 minuti, scolateli, conditeli generosamente e portate in tavola con
abbondante pane e formaggio grattugiato a parte.
Questo piatto è tre spanne sopra al godimento…è qualcosa che offusca la
mente! 🙂


You Might Also Like

17 Comments

  • Reply ssmile 13 maggio 2015 at 6:58

    Sei un mito!!!

  • Reply flavia galasso 13 maggio 2015 at 7:22

    Hai fatto i piciiiiiiiiiiiiiiii…… grandiosa Federica!!!! Sei entrata al THE RECIPE-TIONIST alla grandissima… anche per questo post memorabile….eh già….moriremo prima o poi….. e quindi GODIAMOCELAAAAAAAAAAAAAAAAAA……. ora dimmi tu si può desiderare un piatto di pici al ragù per colazione??…..ti rispondo SI….SI…SI….SIIIIIIIIIIIIIIIIIIIII…..SI PUO' …una buonissima giornata e grazie a nome di tutti i carnivori, pastari…golosi e goderecci riuniti 😀

  • Reply Araba Felice 13 maggio 2015 at 8:05

    Le diete sono per la maggior parte dei quick fix che non si possono sostenere per lungo tempo…ed eliminare carboidrati è quanto di più dannoso si possa fare! Non sarebbe meglio adottare uno stile di vita sano e sostenibile? Tutto si può mangiare, in effetti, non c'è nulla da eliminare…basta un po' di moderazione nelle porzioni.
    E w i pici al ragù 😀

  • Reply Cecilia Bendinelli 13 maggio 2015 at 8:18

    Sbav!!! (Come sempre, quando cucini tu! <3)

  • Reply Patrizia Malomo 13 maggio 2015 at 12:31

    Ecco perché penso che tu sia una saggia ragazza. Perché questa consapevolezza, la consapevolezza che togliere completamente un alimento dalla ns. dieta faccia malissimo è una roba da grandi. Da adulti, da persone che le hanno provate tutte. Insomma da nonne. Tu sei ufficialmente una nonna. Come me d'altronde, che alla Dukan non ho mai neanche rivolto la parola e quando mio marito ci si è buttato a pesce l'ho guardato male per c.ca 3 settimane e fino a che, senza che proferissi parola, ha cambiato strada.
    Sui pici non ho niente da dire vostro onore, solo che ho peccato, ma tanto, tanto, e sono recidiva! 😀
    BRAVA!

  • Reply Greta Damancaunbraulio 13 maggio 2015 at 12:35

    Valar morghulis…
    L'importante è come si vive!

  • Reply Profumo di Cannella 13 maggio 2015 at 12:48

    bellissimo post che condivido fino all'ultima parola! E un piatto che solo a vederlo ci immergerei la testa!

  • Reply Paola Sabino 13 maggio 2015 at 13:07

    Eccomi qua. Mi ci sono fiondata a leggerti perché condivido ogni parola (virgole comprese). Non avete idea di quante ne veda, ne legga e ne senta nella mia professione e quanto mi faccia arrabbiare tutto questo ingiustificato allarmismo. Mi arrabbio nel vedere una specie di anoressico che va in giro a declamare quanto faccia bene fare il digiuno e quali ricette fare per seguire la dieta del digiuno (che non ho mai capito che caspita di ricetta possa prevedere il digiuno: come riempire il bicchiere d'acqua, forse?). Mi arrabbio nel vedere orbe di lobotomizzati asserire che il vecchietto tanto simpatico che mangia solo uova felici dell'Himalaya sia un genio della nutrizione (considerando che per business io posso parlare di quello che voglio, ma la scienza e i dati scientifici sono tutt'altra cosa. E non me ne vogliano le galline himalayane). Mi arrabbio che oggi di sana alimentazione ne parlino tutti, tutti da esperti, saccenti e professori emeriti. Insomma, dammi un piatto di pici, va', che altrimenti, tempo due secondi, e faccio una strage 🙂

  • Reply Glu-fri 13 maggio 2015 at 13:17

    E lo dici a me che per forza non posso mangiare paste e livitate come dio comanda… e mi mangerei 'na cofana di pici, guarda, anche al burro (arg…).
    Altro che diete, magnare meno e muovetevi di più..non è più facile?

    Un abbraccio che per ora posso solo mangiare con gli occhi

  • Reply Rosaria Orrù 13 maggio 2015 at 14:10

    ho fatto la Dukan
    ebbene si
    al tempo ho perso ben 10 kili
    e ti devo dire la verità? non mi stavo disabituando alla pasta al pane o alla pizza anzi! la sognavo di notte
    ma volevo perdere quei kili ad ogni costo
    dopo ho ripreso lentamente a reintrodurre carboidrati e lentamente si sono reintrodotti i kili… ben 5!!
    non la rifarò più per questo preferisco mangiar tutto poco e spesso piuttosto che privarmene
    il pensiero di non poter neanche assaggiare uno dei tuoi poco o affondare un pezzo di pane in quel ragù mi fa stare me

  • Reply Giulietta | Alterkitchen 13 maggio 2015 at 14:55

    Ricordo il tuo racconto sulla Dukan, e ammetto che ho scartato l'idea a priori. Mi mantengo su una dieta equilibrata (calo un po' tutti gli alimenti, ma non ne tolgo nessuno) e vediamo come andrà, per questi chiletti di troppo.. e mica lo faccio per la prova costume, ma per poter sostenere le vacanze in Olanda e Belgio a bancali di birra 😀
    Scherzi a parte, concordo su tutta la linea e, a costo della linea, pici e pane a me 😀

  • Reply panelibrietnuvole 13 maggio 2015 at 15:17

    Mi unisco al coro di approvazione.
    Ma, come dice Pat, la tua non è una conclusione scontata, a qualcuno serve molto tempo, a qualcuno parecchia sofferenza, subita e inferta, altri non ci arrivano mai. Capirlo dopo un'unica, semplice dieta. ..questo è genio!! 😀
    Non sopporto la tendenza a demonizzare certi alimenti, mangiare di tutto è il compromesso migliore. E anche se in realtà di pasta e carboidrati non ne mangio molti, i pici al ragù sono tra le cose che amo di più…ovviamente annaffiati da un buon vino rosso! E i tuoi sono venuti alla perfezione, si vede…te lo dice una che ci è cresciuta, coi pici al ragù!
    Alice

  • Reply Cristiana Beufalamode 13 maggio 2015 at 21:16

    Ah stronzona! E brava che hai partecipato: finalmente! Sono solidale con quanto hai scritto e ti dico che l'altro giorno ad una festa dei piccoli, mentre addentavo una porcata con la nutella, una mi ha attaccato un pippone sui danni provocati dalla nutella: la deforestazione delle palme da cui si ricava l'olio , la morte degli scimpanzè, i danni alla sottoscritta….insomma stavo per cominciare a piangere dalla mortificazione…

  • Reply Umberto Castaldo 14 maggio 2015 at 9:43

    Mi hai fatto venire strafame!!! Ottimi e deliziosi! Brava!

  • Reply Francesca Frankie 14 maggio 2015 at 14:56

    Bravissima che pici ragazza!
    la moderazione è tutto nella vita e non mi spiego come tu abbia fatto a fare la DUKAN!!!!
    ma dico io!!??!?!? 😛
    un abbraccio
    Frankie

  • Reply Giulietta 18 maggio 2015 at 12:28

    Scusami se giungo così in ritardo a farti visita ma in questo periodo ho l'attenzione assorbita da altri "problemacci" e, dunque. sono distratta ma non potevo non accorgermi della tua proposta e della tua partecipazione al The Recipe-tionist.. Beh, grande Fede, noi ci conosciamo poco ma il fatto che tu abbia scelto i pici con questo ragù, mi dice….molto di te. Questo è un ragù per buongustai e non per persone che mangiano "finemente" 😉 Questo è il ragù che, quando si parla di ragù, viene fatto a casa mia da mia madre da sempre. Anzi,,,diciamo che a questo ragù è approdata aggiungendo nel tempo i particolari, l'ultimo dei quali sono quelle costine utilizzate in quel modo. Questo è un ragù dalle "profondità gustative" e tu mi pare l'abbia replicato al meglio. . Brava e grazie per aver "spulciato" dentro al mio blog

  • Reply caris 8 novembre 2015 at 13:30

    io proprio ti amo.
    la mia era la #barbieprofumodirogu, per dire con cosa giocavo.

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.