Torte & Dessert

L’Orso Bruno e Icaro – Ciambellone tigrato

2 febbraio 2015

Sì sa, persino Icaro voleva volare ma la vita non gliel’ha permesso.
Figuriamoci se può volare un Orso Bruno!

Lui che quando vede un aeroplano reagisce come un uomo del medioevo catapultato improvvisamente ai giorni nostri: punta ferocemente il dito contro e, con tono irritato, dice “Come fa un pezzo di ferro a volare? Come fa?? Come???”.
Mahhh chissà! 🙂

Poi ancora “Se la natura ci avesse voluto far volare ci avrebbe donato le ali.”
E via così nei secoli dei secoli, amen!

La sua è una fobia strana, sapete.
Perché, in realtà, l’Orso ama lanciarsi col parapendio e dice che non avrebbe problemi a lanciarsi col paracadute.
Ma, accidenti, l’aereo proprio no! 
“Dovrei pilotarlo io per essere sicuro!”
Oppure “Dovrei poter portarmi un paracadute come bagaglio a mano”.

Niente, non c’è una chiave per risolvere questo problema purtroppo!
Solo un cambio di filosofia: viaggi in moto 🙂
D’altra parte si sa che la natura ci ha fatti per scorrazzare ai 100 e più chilometri all’ora no? 😛

Questa torta è morbidosa, umida e perfetta già da sola per una colazione da re.
Con la ganache al cioccolato diventa sontuosa, golosa…da visioni paradisiache! 😀

CIAMBELLONE TIGRATO
da una ricetta di “The Baking Bible” di Rose Levy Berenbaum




Ingredienti: per 12-14 fette


per la torta
130g di cioccolato fondente, tritato
6 tuorli, a temperatura ambiente 
180g di panna acida
i semi di una bacca di vaniglia
225g di farina 00
225g di zucchero semolato
un cucchiaino di lievito in polvere
mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 pizzico di sale
200g di burro, morbido e a temperatura ambiente

per la ganache
80g di cioccolato bianco, tritato
40g di cioccolato fondente, tritato
80g di panna fresca, riscaldata

Cominciate riscaldando il forno a 170°C, poi imburrate e infarinate uno stampo da ciambellone di diametro 24-25cm.

Sciogliete il cioccolato fondente a bagnomaria e lasciatelo intiepidire.

In una ciotola unite la farina, lo zucchero, il lievito, il bicarbonato, il sale e date una mescolata veloce con un cucchiaio.
Aggiungete il burro a pezzetti, i semi della bacca di vaniglia, metà panna acida e sbattete, con le fruste elettriche, per un paio di minuti, finché l’impasto è bello omogeneo.
Aggiungete ora i tuorli e la rimanente panna acida e sbattete per un altro paio di minuti.

Prendete ora una ciotola pulita e metteteci 300g di impasto.
Aggiungete poi, al rimanente impasto, il cioccolato fuso e mescolate bene per amalgamare.

riempire lo stampo
E’ più facile da fare che da dire, ovviamente!
Step 1 – mettete un terzo dell’impasto al cioccolato sul fondo della tortiera distribuendolo bene. Mettete poi, al centro dell’impasto al cioccolato, un quarto di impasto normale cercando di non farlo arrivare ai bordi della tortiera.

Step 2 – Ripetete l’operazione con 130g circa di impasto al cioccolato e 100g di quello normale (fate arrivare quello al cioccolato fino ai bordi della tortiera e tenete l’impasto normale sempre all’interno).

Step 3 – Altro strato con 150g di impasto al cioccolato e il rimanente normale.

Step 4 – Chiudete con il rimanente impasto al cioccolato livellando bene.

Scusatemi se vi dico i grammi precisi di ogni impasto ma è per far uscire un bel ciambellone variegato, sembra un’operazione macchinosa e invece non lo è affatto 🙂


Infornate per 45-55 minuti, fate la prova inserendo uno stuzzicadenti e se esce pulito il dolce è pronto.
Terminata la cottura fate raffreddare 10 minuti nello stampo, sformate poi il dolce e fatelo raffreddare completamente su una gratella.

Quando è completamente raffreddato mettetelo sul piatto da portata.

per la ganache
Unite entrambi i tipi di cioccolato e fondeteli a bagnomaria.
Incorporate, poi, la panna riscaldata e mescolate per amalgamare bene il tutto.
Fate raffreddare completamente mescolando delicatamente ogni 15 minuti.

per la finitura
Niente di più semplice: fate colare la ganache, con immensa goduria, sulla torta.
Godetevi subito la prima fetta.
Lussuria to-ta-le-!!!! 😀

NOTE:
– I 6 albumi avanzati posso essere surgelati per un mese oppure potete prepararci questa magnifica pavlova!
– Trovate la panna acida nel banco frigo, solitamente vicino alla panna fresca.
– Se fate questa torta usando kenwood, kitched aid o simili montate il gancio a foglia.
– Si conserva perfettamente 2 giorni a temperatura ambiente, 5 in frigo.
– Potete avvolgere la torta, senza glassatura, nella pellicola e conservarla in freezer fino a 2 mesi. Quando vi servirà, scongelatela a temperatura ambiente e sarà come nuova!



SCARICA QUI IL PDF DELLA RICETTA 🙂

You Might Also Like

7 Comments

  • Reply Ilaria Talimani 2 febbraio 2015 at 9:10

    Che bontà mi ci vorrebbe oggi per colazione 🙂

  • Reply Araba Felice 2 febbraio 2015 at 11:47

    Ullallà….unica cosa che mi viene da dire.
    Se vedessi i miei occhi sbarrati capiresti cosa vogliono dire!!! 😀

  • Reply Cecilia Bendinelli 2 febbraio 2015 at 17:22

    Che bellezza di torta e di stampo!!! Prossimo dolce che farò, ora devo smaltire una orribile schiacciata fiorentina (non quella della Patty, quella è buona, anche se raffreddandosi diventa un po' "gnucca"…), poi mi rifarò con questa goduria! Sei troppo simpatica! Prima o poi ci conosceremo! Baci.

  • Reply Giorgia 3 febbraio 2015 at 13:37

    In effetti la parte più complessa sembrerebbe proprio quella delle sistemazione dell'impasto nello stampo… Ma questa torta è davvero goduriosissima e varrà la pena affrontare la sfida del non toccare i bordi… Dici che visto che in congelatore ho 1 kg (!) di crème fraiche epaisse posso sostituirla alla panna acida? Questa non è altrettanto acida ma è bella densa… Quanto all'Orso Bruno, credo che ci accomuni questa necessità di pilotare l'aereo per sentirci più tranquilli, io però volo comunque. Ma se posso almeno la macchina la guido io!

    • Reply FedeB 3 febbraio 2015 at 20:14

      certo che va bene!! 🙂
      Vedrai che verrà perfetta e quei passaggi sono un po' macchinosi ma semplici, se ce l'ho fatta io possono riuscirci tutti!! 😀

  • Reply Cecilia Bendinelli 9 febbraio 2015 at 10:22

    bellissimo!

  • Reply Sabry 27 aprile 2015 at 8:28

    Una tentazione, devo, devo farlo subito!

  • Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.