Torte & Dessert

Le periodiche crisi esistenziali di una Blonde Femme – Crostata frangipane con i lamponi

4 aprile 2014

Sono una ragazza che ride sempre.
Rido e sorrido tantissimo, anche quando non ho niente di particolare per cui essere felice!
Poi ogni tanto lei: la crisi esistenziale.
Dura fra le 24 e le 36 ore e mi rende triste, irritabile, muta e senza sorriso!
Quel che è peggio è che le persone che mi stanno attorno non sono abituate a vedermi in questa veste e si sentono a disagio.
Non sanno cosa fare, cosa dire e, tra l’altro, credo di guardare tutti in cagnesco…ma non ne sono ancora sicura, dovrei chiedere 😛
Durante queste maledette ore mi faccio degli enormi castelli di pensieri tristi…
…penso che vorrei cambiare lavoro e poi mi piango addosso perché mi rendo conto che l’unica cosa che farei volentieri sarebbe sfornare torte a strati piene di panna montata e fragole!
…penso che questo blog non decollerà mai e poi realizzo che attualmente è una delle poche cose che mi piacciono davvero.
…faccio pensieri così tristi che quando rinsavisco e ci rifletto, semplicemente non mi riconosco!
Non mi fa ridere niente. Niente di niente!
Col tempo ho imparato a riconoscere la crisi.
Non la soffoco facendo finta di niente, anzi! Mi crogiolo nel “dolore”, mi riempio di paranoie, ammutolisco davanti ai miei complessi e mi prendo il mio tempo per essere triste.
Gli altri aspetteranno 36 ore e chi se ne frega 🙂 

Mi hanno sempre detto di non fare foto sotto il sole cocente.
Però io ci devo mettere il naso per capire e così le foto per questo post sono state fatte verso le 11 di una mattina di sole pieno 🙂
Insomma…non lo farò mai più 😀
Le tinte sono troppo forti per i miei gusti e la luce va domata, devo mettermelo in testa!!

Per questa ricetta ho usato una farina composta da una miscela di farina integrale di farro Monococco biologico e farina di tipo 1 (farina intermedia fra la 00 e quella integrale) di grano tenero biologico.
Il farro piccolo (o monococco) fu tra i primi cereali coltivati dall’uomo, nelle zone più orientali del Mediterraneo. Ha un alto contenuto di antiossidanti che, uniti ai sali minerali del grano tenero tipo 1, garantiscono notevoli vantaggi nutrizionali. 



CROSTATA FRANGIPANE CON I LAMPONI

Ingredienti: per una tortiera da 24cm

pasta frolla
200g di farina Einkorn Molino Grassi
100g di zucchero semolato
100g di burro freddo a pezzetti
1 uovo
1 pizzico di sale
scorza di un limone

crema frangipane
100g di farina di mandorle
100g di burro morbido
100g di zucchero semolato
1 uovo
30g di maizena
scorza di un limone

frutta e finitura
250g di lamponi
marmellata di albicocche

Imburrate e infarinate una tortiera di 24cm dal fondo amovibile.
Pre-riscaldate il forno a 180°C

pasta frolla
Lavorate, sfregando con la punta delle dita, il burro freddo a pezzetti con la farina, il pizzico sale, lo zucchero e la scorza grattugiata del limone fino ad ottenere un composto di briciole.
Aggiungete l’uovo ed incorporatelo al composto. 
Formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela a rassodare in frigorifero per mezzora.
Passato questo tempo riprendete la frolla, stendetela e foderate la tortiera che avete scelto con la sfoglia ottenuta. 
Bucherellate la sfoglia con una forchetta.
Preparate la frolla per la “cottura in bianco”: coprite la sfoglia nella tortiera con un foglio di carta forno e sopra metteteci qualcosa che faccia fa finto ripieno e che la tenga leggermente schiacciata tipo dei fagioli secchi o del riso.
Infornate a 180° per una decina di minuti, togliete i fagioli (o il riso) e la carta forno e infornate di nuovo per ulteriori 5 minuti.

crema frangipane
Montate il burro con lo zucchero fino a renderlo bianco pallido e soffice, circa 5 minuti.
Aggiungete l’uovo e la scorza di limone continuando a sbattere con le fruste.
Infine aggiungete delicatamente, con un cucchiaio, la farina di mandorle e la maizena.

finitura della crostata
Spalmate abbastanza marmellata sul fondo della crostata (semi-cotta) in modo da creare uno strato di 5mm circa, distribuiteci sopra i lamponi e poi coprite tutto con la crema frangipane, livellando bene col cucchiaio (o con una spatola).
Infornate a 180°C per 30 minuti o finché la superficie è ben dorata e croccante (con il mio forno ho impiegato 40 minuti!).
Sfornate e lasciate intiepidire.
Nel frattempo scaldate un paio di cucchiai di marmellata rendendola liquida e spennellatela sulla superficie della torta per lucidarla 🙂
Fate raffreddare del tutto e poi servite!

NOTE:
– Per la pasta frolla potete usare anche una normale farina 00, oppure una farina integrale che darà un buonissimo sapore alla crostata.
– La torta a mio avviso è migliore il giorno dopo, provate a resistere 🙂
– Si conserva perfettamente a temperatura ambiente per 3 giorni.
– Al posto dei lamponi potete mettere un altro tipo di frutta che vi piace: sbizzarritevi!

SCARICA QUI IL PDF DELLA RICETTA 🙂

Con questa ricetta partecipo al contest di Molino Grassi ospitato dal blog www.impastandosimpara.it  🙂

You Might Also Like

12 Comments

  • Reply Annarita Rossi 4 aprile 2014 at 5:53

    Oh mamma voglio quella frangipane ora e subito…. ma sai che sei proprio brava? pensa tu che io sorrido 36 ore sparse ogni tanto e il resto del tempo faccio pensieri tristi 😛 buon fine settimana di ricette.

    • Reply FedeB 4 aprile 2014 at 11:48

      Ma tesoro, te la porto subito una bella fetta di torta così posso essere partecipe di una di quelle 36 ore sparsi di sorrisi!!! :)))
      Buon fine settimana!!! :*

  • Reply La Cucina Spontanea 4 aprile 2014 at 6:57

    Anch'io ho l'abitudine di crogiolarmi nel malumore, ma è una brutta abitudine che vorrei cambiare non tanto per gli altri che mi stanno accanto (anche loro avranno i loro momenti tristi, no?) ma per me. Questa torta sembra buonissima e si presta bene ad essere personalizzata utilizzando altri tipi di frutta, brava!
    Buon fine settimana 🙂
    Chiara

    • Reply FedeB 4 aprile 2014 at 11:52

      Io subito volevo cambiare questa cosa della maratona di tristezza ma poi mi son resa anche conto che una volta ogni tanto non mi fa nemmeno male una giornata di introspezione e lagna anche perché, strano ma vero, ne esco ricaricata!

      Ciao Chiara!!! Buon fine settimana!!! :*

  • Reply Giulietta | Alterkitchen 4 aprile 2014 at 7:06

    Beh, dai, cosa saranno mai 36-48 ore ogni tanto di tristezza? Il fatto che tu riesca normalmente a ridere e sorridere molto è già una gran cosa.
    Le mie crisi sono più brevi, ma anche molto ben distribuite, ma per fortuna la voglia di ridere e sorridere difficilmente mi passa 😉
    Bellissima questa crostata, che so essere stata il conforto di una giornata andata male… e ci credo! Questa sarebbe in grado di risolvere anche un conflitto bellico 😀

    A presto (per davvero)

    • Reply FedeB 4 aprile 2014 at 11:55

      Esatto! Lunedì sera, trovarla sul tavolo a casa è stato bellissimo!!!
      Dovrei farmi delle crostate anti-tristezza più spesso!! 😀
      Ci vediamo prestissimo!!!!! :*

  • Reply la signorina pici e castagne 4 aprile 2014 at 11:07

    lasciamo perdere le paturnie va' che è meglio… se ti racconto quello che mi è successo nelle ultime 12 ore c' è da pensare.
    ieri sera per prima cosa faccio per andare a prendere una cosa sul lavandino in bagno ma con la mano intruppo nel rotolo di carta igienica che in tempo 2 secondi vola via dal portarotolo appeso al muro e si tuffa dritto dritto nel wc. no, dico, se ci avessi provato 1000 volte non ci sarei riuscita! stamani sulla soglia di casa faccio per abbassarmi e prendere la borsa quando..straaaap. pantaloni strappati (indovina dove….) . naturalmente pantaloni nuovi ed io ero anche in ritardo a lavoro. poi a lavoro devo aver accidentalmente aperto il vaso di Pandora e quindi non sto qui a raccontarti. ecco, datemi una vacanza. o un antidepressivo. ho un diavolo per capello.
    potrei avere una fetta di torta????? me la sono meritata????? : )

    • Reply FedeB 4 aprile 2014 at 12:01

      Allora, intanto una bella fetta di torta e una carezzina sulla guancia non te le leva nessuno!
      Ma quanto ho riso leggendoti!?!?!? Ho rivalutato il fatto di venire a vivere da te….anch'io sono una che prende dentro dappertutto, finiremmo per dar fuoco alla casa 😀
      Beh ma i pantaloni che si rompono così…!!! Ma son na cosa tremenda! Roba da chiamare in ufficio e dire che non si riesce ad andare perché il guardaroba ti si è ammutinato!! 😀
      Ma tu, che tesoro che sei! Anche da arrabbiata! :*

  • Reply Forno Star 4 aprile 2014 at 23:56

    Io ho le mie 36 ore una volta al mese… L'anno scorso, invece, le 36 ore si sono moltiplicate in giorni e mesi e ho avuto bisogno di un aiuto. NOn erano bastate vacanze, stavo solo male, vedevo tutto nero, senza speranza.
    Oggi accetto le mie 36 ore perché so che poi starò di nuovo bene, e spero che rimangono tali, perché in quei momenti si è talmente giù e depressi da non vedere più la realtà e si sta troppo male, senza nemmeno essere considerati perché, magari, non hai niente di particolarmente negativo…

    • Reply FedeB 5 aprile 2014 at 13:09

      Ciao Stefania!!
      Con le ultime due righe hai centrato completamente l'argomento! Ci si deprime così tanto da staccarsi dalla realtà e tutti quelli intorno ti dicono "ma hai un lavoro, una persona che ti ama, una bella famiglia, ecc ecc ecc" ma…in quei momenti non è una cosa che ti tira su!
      L'importante è non perdere il controllo, sguazzare un po' in quel "dolore" e poi uscirne lasciandosi tutto alle spalle!
      Un abbraccio bellezza! 🙂

  • Reply Valentina Nondisolopane 8 aprile 2014 at 17:06

    Ciao Fede, piacere di conoscerti! anche con le tue paturnie, perchè come puoi vedere sei in buona compagnia e mi ci metto anche io! nel mio caso è un desiderio di non accontentarsi, di migliorarsi ed andare sempre avanti, retaggio dell'educazione paterna, che spinto all'eccesso porta a periodi di profonda insoddisfazione per non dire depressione dove non c'è nulla della mia vita che riesca a salvare. Basta poco per farmi andare alle stelle ed altrettanto per farmi sprofondare sotto il livello del suolo…che ci vuoi fare???
    Grazie per questa deliziosa torta :*

    • Reply FedeB 8 aprile 2014 at 18:00

      Ciao Valentina!!!!
      Grazie a te di avermi ospitata in questo contest!!! :)))

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.