Torte & Dessert

La regina della colazione – Marble Pound Cake

7 novembre 2013
Chi è la regina della colazione?? Ma sono io!! 😀
Ve lo giuro: potete farmi saltare il pranzo o la cena. Ma la colazione assolutamente no!!
Da quando vivo con l’Orso Bruno ogni due o tre giorni c’è una torta nuova per colazione.
Adoro prepararne sempre di diverse: crostate, torte al cioccolato, plum-cake, muffin (che poi i muffin io li faccio con gli impasti delle torte perché con le ricette tradizionali non mi vengono mai morbidi come dico io 😛 )…
Lo vivo come un atto di amore e di…ricatto! 😀
Sì perché voi non avete idea di cosa significhi tirar giù dal letto un Orso che la mattina presto si incarta nel piumone e non ne vuol sapere di abbandonare il letto!!
Ricordargli che c’è una torta buonissima che lo aspetta assieme ad una tazza enorme di latte fresco è un aiuto non da poco! 
Questa torta l’ho fatta proprio con l’intento di aiutarci a cominciare la giornata con il piglio giusto e un sorriso!
E’ bella, buona, soffice e burrosa. 
A tal proposito: non abbiate paura della quantità di burro indicata, tutto sommato ne mangerete una fetta, al massimo due, a colazione e avrete tutta la mattina per smaltire.
Fidatevi di me se vi dico che a lavorare ci andrete molto più sprintosi e contenti! 🙂
MARBLE POUND CAKE da Martha Stewart’s Cakes 
Ingredienti: per uno stampo da plumcake
200g di burro morbido (tagliatelo a cubetti e lasciatelo fuori dal frigo mezzoretta)
200g di zucchero semolato
i semi di un baccello di vaniglia (vi prego, non usate la vanillina!!!)
4 uova
100g di farina 00
70g di farina 00 mescolata a 25g di cacao amaro
un pizzico di sale di sale fino
Scaldate il forno a 170°C e coprite lo stampo da plumcake con la carta forno.
Con delle fruste elettriche (o con un mixer tipo Kenwood) montate, alla massima velocità, il burro con lo zucchero e i semini di vaniglia fino ad ottenere un composto chiaro e soffice, circa 8 minuti.  
Ogni tanto raccogliete il composto dai bordi della ciotola, soprattutto se usate il mixer.
Continuando a montare il composto aggiungete le uova una alla volta.
Bene! Il composto principale è pronto: ora dividetelo a metà.
1° composto: aggiungete 100g di farina e un pizzico di sale, amalgamate bene con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare l’impasto.
2°composto: aggiungete i 70g di farina mescolata a 25g di cacao amaro e un pizzico di sale, amalgamate bene con movimenti dal basso verso l’alto per non smontare l’impasto.
Ora arriva la parte divertente!
Distribuite il composto a cucchiaiate nella teglia foderata alternando l’impasto bianco a quello al cioccolato come per formare una scacchiera, tipo così:
foto da www.marthastewart.com

Infine, per creare l’effetto marmorizzato, prendete un coltello e passatelo fra gli impasti in modo da creare delle striature bianche e cioccolatose.
Infornate il vostro plumcake nel forno caldo a 170°C per circa 60 minuti, prima di sfornare fate la prova dello stuzzicadenti: inseritelo al centro del plumcake, se lo tirate fuori asciutto la torta è pronta, altrimenti cuocete qualche altro minuto.
Fate intiepidire 10 minuti nello stampo, poi sformate e lasciate raffreddare completamente su una gratella.

Gustatelo col latte caldo la mattina oppure con una bella tazza di tè al pomeriggio  🙂

SCARICA QUI IL PDF DELLA RICETTA 🙂

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Araba Felice 7 novembre 2013 at 16:00

    Qui siamo in due a dover trovare la forza di alzarci 😀 ammetto che in settimana abbiamo roba tipo yogurt, cereali e frutta…sai, facciamo finta di essere fit 😀 ma il weekend ci rifacciamo, e questa era già in lizza, avendo lo stesso libro 😉

    • Reply FedeB 8 novembre 2013 at 7:28

      Noi sfruttiamo sempre il principio (poco credibile 😀 ) che per mantenere la linea ci mangiamo il dessert a colazione!
      Succede anche di mangiarsi una fetta di cheesecake 😀
      di questo bel libro io credo proprio che molto presto farò la torta al cioccolato coperta di meringa!!! 🙂

    Leave a Reply

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.